PALUZZA

PALUZZA è un paese carnico posto a 600 metri s.l.m., sul confine Settentrionale del Friuli Venezia Giulia a ridosso dell’Austria.  Capolugo del più grosso centro dell’alta Valle del Bût è posto lungo l’antica pista carovaniera che fin dall’età del bronzo collegava il Mediterraneo con il Baltico e che in epoca romana, venne denominata Via Julia Augusta. Risalgono a tale periodo storico tre iscrizioni una delle quali del 371 d.c. riporta: “Grazie alla munificenza dei nostri tre signori augusti questo percorso, dove uomini e animali passavano con pericolo, è stato reso praticabile sotto la direzione di Alpinio Programmazio, magistrato allo stato degli Iulio Carnici durante il IV consolato di Valentiniano e valente nostri signori”.

Lungo tale pista erano presenti numerosi punti di vedetta, divenuti complessi sistemi difensivi al tempo in cui Paluzza era controllata dalla Serenissima. Di tali sistemi deifensivi ne rimane oggi solo una testimonianza: “La Torre Moscarda” (Torate), situata a 1 Km dal centro di Paluzza e raggiungibile con una passeggiata di circa mezz’ora dal centro del paese.
Il Comune di Paluzza comprende anche quattro frazioni: Naunina e Rivo, raggruppate attorno al capoluogo, Timau e Cleulis, un po’ più distanti.

La località è particolarmente ricca di attrattive turistiche sia di interesse storico-artistico (come le tipiche case seicentesche) che escursionistico e sportivo.

La Segheria Veneziana “Siê da Fuce”