GLI OSPITI

GRUPPO FOLKLORISTICO VAL RESIA _ 28 MAGGIO 2017 CLAUZETTO _ 14 AGOSTO RESIA

Il Gruppo Folkloristico “Val Resia” è sorto ufficialmente nel 1838, quando un gruppo organizzato di suonatori e danzerini si recò a Udine, in occasione della visita dell’imperatore d’Austria Ferdinando I e della sua consorte, per testimoniare, insieme ad altri gruppi, la ricchezza della tradizione musicale popolare locale. La sua particolarità consta nel fatto che, oltre a presentare musiche, danze e costumi propri della comunità della Val Resia, testimonia una realtà culturale tuttora esistente.
I costumi utilizzati dal gruppo sono la fedele riproduzione degli abiti da festa indossati in Val Resia alla fine del 1700 fino ai primi anni del 1800 e caratterizzano le seguenti figure: la giovane in cerca di marito, la donna spostata, la vedova, il giovane celibe ed il signore facoltoso. Sono particolarissimi i costumi delle lipe bile maškire / le belle maschere bianche. Queste maschere vengono utilizzate in valle durante il periodo di carnevale, sono costituite da gonne bianche sovrapposte, nastri colorati e campanelle. Sul capo portano un pesante cappello realizzato con centinaia di fiori di carta colorata.
Le musiche e le danze sono molto antiche e probabilmente sono giunte in valle con i primi insediamenti della comunità resiana nel VI secolo d. C. La piccola orchestra consta di soli due strumenti: il violino chiamato cïtirain dialetto resiano ed il violoncello detto bünkula. I due strumenti vengono opportunamente modificati per rendere il suono simile e quello di una cornamusa, chiamata dudy, utilizzata in valle prima dell’avvento di questi strumenti a corda. Il battito del piede, che accompagna la musica è il fondamentale “terzo strumento” utilizzato per assicurare il ritmo. A Resia non ci sono scuole di musica popolare, i giovani imparano a suonare “ad orecchio” ascoltando i più anziani.

http://rezija.com/it/gruppo-folkloristico-val-resia/chi-siamo/

https://www.facebook.com/Gruppo-Folkloristico-Val-Resia-1228496227171648/

 

TRADMOD_28 MAGGIO _  11-12-13- CLAUZETTO  – 14 AGOSTO 2017 RESIA

Il progetto orchestra d’archi folk TRADMOD nato all’interno dell’ Associazione Culturale Traditional Modern Folk Music from Friuli Venezia Giulia  nato con lo scopo di studiare, imparare, provare insieme e divulgare divertendosi, gli stili di violino popolare provenienti dalle tradizioni Friulane, della Carnia, della Val Resia, Istriane, di Bagolino e della Valle del Savena. Il gruppo formato da persone di diverse età e provenienze del Friuli si esibisce periodicamente in tutto il territorio regionale oramai da diversi anni.  Un gruppo aperto a tutti i violinisti classici o folk locali e non, purché interessati a questo tipo di approccio musicale informale dove  l’esecuzione avviene senza l’ausilio di musica scritta. Per secoli infatti i musicisti hanno affidato la loro musica semplicemente alla memoria e l’orchestra.

 www.tradmod.eu

“In Compagnia”  (Altrioh + Aniada a Noar)_

3 – 4 GIUGNO  2017 _ MONFALCONE _ MEDUNO

8 OTTOBRE 2017_ AZ. BRUNO VENICA _ PREPOTTO

 

Altrioh – Trio Friulano

composto dai musicisti:
Emma Montanari: Voce
Giulio Venier: Violino
Flavio Bortuzzo: Chitarra

Il trio ALTRIOH nato dalla collaborazione con il gruppo Austriaco Aniada a Noar con il quale suona a livello internazionale nello spettacolo “In Compagnia” prodotto dalla manager austriaca Isabella Holzmann, il cui impegno ha prodotto l’omonimo CD live uscito sul mercato Europeo. Il trio ha prodotto vari Cd e spettacoli in questi anni in Italia e all’estero. L’esperienza , trentennale, di Giulio Venier nella musica tradizionale Friulana e Resiana e di Emma Montanari nel suo genere folk Marchigiano/Friulano, e del chitarrista di Spilimbergo Flavio Bortuzzo attivo nella musica folk friulana dagli anni sessanta, hanno prodotto uno spettacolo variegato dove il folk friulano si sposa e si confronta con generi musicali senza tempo, con il fascino cabarettistico e divertente di due dei migliori artisti intrattenitori da osteria presenti sul nostro territorio.Una bella miscela di abilità tecnica, virtuosismo ed improvvisazione, sintonizzazione armonica ed entusiasmo, il trio offre uno spettacolo sempre nuovo e diverso in cui il pubblico viene coinvolto in un viaggio emotivo che spazia dalla tristezza, all’allegria, alla gioia in un crescendo di emozioni gli artisti ed il pubblico si uniscono assieme attraverso la musica in un tutt’uno.

https://www.facebook.com/altrioh/

Aniada a Noar – Trio Austriaco

composto dai musicisti:
Andreas Safer, Violino, mandolino, voce

Wolfgang Moitz: flauto, cornamusa, voce;
Bertl Pfundner: mandolino, organetto diatonico, fisarmonica, chitarra e voce.

Violino, chitarra, fisarmonica, cornamusa, arpa di Ebreo, voce e diversi altri strumenti sono gli Aniada a Noar!Aniada a Noar un progetto musicale che negli anni si è guadagnato un posto in alto nella scena musicale folk austrica. Sin dalla loro nascita si occupano di musica popolare in genere attraverso i loro viaggi fatti di incontri, storie e racconti provenienti dalla cultura musicale europea.  Un gruppo fatto di legami di amicizia e di esplorazioni musicali varie e profonde grazie alle provenienze regionali di ciascun membro.  Il mix di culture e collaborazioni permette loro di superare barriere e confini. In modo particolare con la collaborazione dei musicisti friulani Emma Montanari, Giulio Venier e Flavio Bortuzzo, portano in sena sia la musica della Stiria, sia quella del Friuli il gruppo acquisisce aspetti tradizionali ed innovativi notevoli.

http://www.aniada.at/

https://www.facebook.com/aniadaanoar1/

“DOS FOLKS” DUO PUCCI VENIER _ 4 AGOSTO 2017 AQUILEIA

Tradizione e sperimentazione, folk tradizionale friulano, europeo, musica classica e jazz in un percorso musicale che parte dalla Spagna per arrivare in Irlanda: tutto questo – e di piu – e il Duo Pucci Venier, ormai conosciutissimo sulla scena folk nazionale ed estera. Costituitosi ancora nel 1999, il Duo ha infatti al suo attivo piu di 600 concerti in Italia, Svizzera, Croazia ed Austria, due lavori discografici e numerose collaborazioni internazionali. Dopo un periodo di pausa in cui entrambi i musicisti hanno lavorato ad altri progetti e con altri artisti, a meta 2016 Michele Pucci e Giulio Venier sono ritornati con il progetto “Dos FolkS” che li ha gia visti protagonisti di una ricca ed intensa serie autunnale di esibizioni. A FOLK IN TOUR presentano il nuovo cd.

http://www.puccivenier.com

fb: https://www.facebook.com/dosfolks

 

MESTISON

4 AGOSTO 2017 _ AQUILEIA

13 AGOSTO _ CLAUZETTO

Mestisòn è energia pura.  Una miscela esplosiva di ritmi, canti e danze dove gli strumenti a percussione tradizionali si mescolano sapientemente a strumenti più moderni come il basso, chitarra e tromba.  Un connubio di sonorità tra il moderno e l’arcano dove Cumbia, Mapalè, Sòn Corridos , si fondono al Funky, Reggae e Salsa. Il progetto musicale nasce nel 2011, direttore musicale della band trevigiana è Luis Fernando Giraldo Bedoya, Pereira- Colombia. Collaborano con diverse associazioni e partecipano a numerosi festival nel nord-est da “Suoni di Marca” e  come band supporto a “Compay segundo y Buena vista social club”.

 

ANTONELLA BENANZATO _ 11 AGOSTO 2017 CLAUZETTO

Pittrice astratta informale, fotografa, musicista, giornalista professionista. Vive e opera a Padova. Da anni è impegnata in una ricerca tra colore e suono, musica e pittura.  Ha presentato nel 2016 il primo capitolo di questa ricerca “Creactivity 2016” che ha visto l’esposizione alla Fusion Art Center di Padova della sua personale pittorica inaugurata con una performance dedicata alle opere esposte che ha coinvolto anche il pubblico presente.

Ha partecipato con una video installazione al cinquantesimo di Enoitalia, azienda leader alla Dogana Veneta a Verona.  Nel ciclo Creactivity ha realizzato una serie di opere pittoriche che rappresentano veri e propri spartiti musicali. Oltre al minimalismo musicale e alla ricerca sperimentale suo suono, Antonella Benanzato è anche autrice di canzoni.

Le sue opere si possono vedere e ascoltare al seguente link: soundcloud.com/antonellabenanzato

PENNYCOOK, TRUSWELL AND KUCK _ 11 – 12 – 13 AGOSTO 2017 CLAUZETTO

Il trio suona  assieme dal 2010, da quando hanno registrato il CD ,  CELTIC NYCKELHARPA – il primo album di sempre dedicato alla musica scozzese e irlandese suonata con la nyckelharpa, il famoso strumento ad arco svedese.

Il repertorio del trio, ha radici nella musica scozzese e irlandese ma spazia inoltre in tutta Europa, presentando versioni di brani riarrangiate di musica classica di fama internazionale.

Gavin Pennycook suona il violino e il tin whistle da quando era bambino, iniziando a presentarsi al pubblico con la St Roch’sCeili Band di Glasgow. Ha suonato con numerosi gruppi dagli anni ’90 fino ai primi anni del 2000 – tra questi il più importante è Deaf Shepherd – negli ultimi anni si è invece concentrato in progetti di scala più piccola. Nel 2012  è stato il primo violinista scozzese a vincere un premio dedicato a artisti di musica irlandese all’ Amber Fiddle Award. Nel 2014 ha registrato “Octave Fiddle – Baritone Violin”, il primo vero album in qualsiasi genere dedicato al violino baritono, un violino caratterizzato da una accordatura bassa di una ottava.

Rob Truswell si è presentato come chitarrista negli ultimi 15 anni apparendo in tutto il Regno Unito e in Nord America, assieme a numerosi musicisti come Sheena Vallely, John Dahms, e Ryan Molloy.

Esther Kuck e una percussionista tedesca, che vive attualmente in Scozia, specializzata in Bodhran.  Molto conosciuta nella scena musicale di Edimburgo ospite di numerose band e di altrettanti workshop e spettacoli sulle sue tecniche di Bodhran melodico.

“Un maestro degli stili scozzesi e irlandesi…un album coinvolgente e un progetto veramente di successo”  Alex Monaghan, Irish Music magazine

 LINK

https://youtu.be/mXL_d5LD79Y

https://youtu.be/227Knbzvhyo

 

WEINER FIDDLE FAMILY_11-12-13-14 CLAUZETTO – RESIA 

La Fiddle Family Winer è un gruppo di musicisti si propone di far conoscere e riscoprire la realtà della tradizione austriaca e trasmetterla nella società dei nostri giorni. Non si ritengono un “gruppo” o una “band”, bensì una famiglia di musicisti con formazione variabile, che si riunisce per il piacere di suonare e di stare insieme. Nel loro repertorio si trovano brani della regione del Salzkammergut ma anche brani tradizionali di altre regioni, si propongono inoltre di riportare la musica nei luoghi dove veniva suonata e ballata in origine. Spariscono così i palchi, e ritornano le osterie ed i locali tradizionali come luoghi incontrastati della musica popolare.

“Per noi la musica deve essere sempre un piacere per tutti, sia che giunga all’orecchio di un musicista, sia a quello di un semplice ascoltatore.

Per tutti vale quindi la regola di ascoltare, suonare, e non tirarsi indietro nel ballare e nel cantare!”

 

TRIO FORTE, PUCCI, VENIER  _ 12 AGOSTO 2017 CLAUZETTO

Il duo Pucci Venier  da  20 anni  al top della musica folk friulana si arricchisce della partecipazione del funambolico Paolo Forte fisarmonicista e cultore della musica balcanica e orientale. L’esperimento nato in occasione del  Festival della Canzone Funebre di Rivignano nel 2016 curato da Rocco Burtone ha avuto un notevole successo sia di critica e di pubblico tanto da dare vita alla composizione del trio che per tutto il 2016 ad oggi si è esibito in Friuli, Veneto e Germania con ottimi risultati.

 

“VOCI DELLA TERRA VOCI DAL MONDO”

CORO VOXNOVA & CORO S. MARIA DI LESTANS

GIORGIO BUSATTI percussioni

CARLA BROVEDANI dirige

Due cori ed un progetto policorale comune del quale fanno parte brani provenienti da diverse località del mondo. Un percorso musicale che spazia dall’Africa all’America, dall’Oceania all’Europa, in un viaggio virtuale tra culture e tradizioni diverse.

 

 

NOTTE DI NOTE ITALIANE  _  16 AGOSTO 2017 _ CASTELNOVO

Il gruppo è composto da  Emma Montanari, Elena Boscariol, GiulioVenier, Flavio Bortuzzo, Vieri De Rossi, Massimo Silverio.

Lo spettacolo “Notte di note italiane” e’ il risultato di una ricerca profondamente etica, filosofica,addirittura metafisica che sul palco si fa vibrazione, ritmo, armonia. Fra gorgheggi e romanze, balli,ballate e saltarelli, arpeggi di chitarre e virtuosismi d’archetto il pubblico viene condotto lungo le impalpabili vie dell’anima stessa della musica italiana.  I musicisti, straordinariamente affiatati nel rapimento del gioco, provenienti da tradizioni diverse, da esperienze e percorsi anche molto distanti fra loro (chi dalla musica folklorica, chi da quella lirica) lasciano chea distanza di secoli,  la tradizione “colta” e quella “popolare” si intreccino  in un turbine di assonanze, rimandi, ammiccamenti tesi a dimostrare che il linguaggio è in definitiva sempre lo stesso, perché espressione di una identica civiltà, colta nelle sue multiformi metamorfosi.

Fb: Notte di Note Italiane

“CRÉSSI EXPERIENCE” _  18 AGOSTO 2017 _ PALUZZA

Il gruppo nasce dalla forte volontà dei giovani partecipanti ad un laboratorio musicale all’interno del Circolo culturale “CRESSI, anche i grandi crescono” di Cercivento, di esibirsi dal vivo.

Attraverso un percorso di sperimentazione e scoperta, dove le antiche melodie si incontrano con i loro gusti musicali con il supporto teorico e tecnico di Giulio Venier, danno nuova vita a musiche di un tempo e della tradizione con un tocco di modernità.

Il loro repertorio presenta musica tradizionale rivisitata dalle idee maturate nell’insieme e nell’union di più realtà musicali diverse

Attualmente ne fanno parte una dozzina di ragazzi e ragazze; la ricerca continua ed il piacere della musica ha consolidato i rapporti tra i partecipanti, diventando un momento prezioso di apprendimento, di creatività, di gioioso incontro, come è raro trovare di questi tempi.

Sonia Zanier voce percussioni salterio flauti

Veronica Urban voce flauti

Alvise Nodale voce chitarra bouzouki

Luca Boschetti basso voce chitarra

Massimo Silverio voce chitarra violoncello

Giulio Venier violino

 

NAM TRIO _ 18 e 19 AGOSTO _ PALUZZA_VILLALTA DI FAGAGNA

Il NAM trio – formatosi nel 2015 da Timo Kiprianoff, Piia Kleemola e Marita Ylevä – si presenta suonando musica tradizionale finlandese proveniente dalla zona della Ostrobotnia.  Il repertorio del trio è caratterizzato da nuovi arrangiamenti di canzoni e brani strumentali del 19° e 20° secolo, combinando polche, schottis e mazurche con il tango. Oltre a suonare in Finlandia, il trio si è esibito anche in Vietnam. I membri del NAM trio sono esperti musicisti ed insegnanti di diversi generi e strumenti musicali.

Timo Kiprianoff chitarra, cori

Piia Kleemola violino, voce principale

Marita Ylevä organetto, cori

 

LINK

https://youtu.be/mXL_d5LD79Y

https://youtu.be/227Knbzvhyo

 

RE NILIU _ 18 AGOSTO 2017 _ PALUZZA

Il Re Niliu è soprattutto un sound, un modo di suonare e di pensare la musica. La nostra identità musicale sta nel viaggio. Il punto di partenza è una Calabria cosmica, un Sud di ogni Sud. E’ il “Villaggio nella Memoria”di De Martino. Un posto dove tornare, da cui andarsene, da rimpiangere,
da rifiutare, da amare e odiare come per ogni Sud avviene. Suoniamo la nostra condizione di meridionali del mondo che hanno imparato a convivere con questo viaggio interminabile, a farne la propria casa accettando che quello è il vero patrimonio di un’Itaca che altre ricchezze non ha.
A seconda degli orientamenti, delle stagioni, delle formazioni il gruppo propone il suo originale discorso fra l’acustico primordiale elettroacustico incrociando rock e sonorità etniche.
Il viaggio nei suoni acidi della cultura orale della Calabria si incrocia conle diversità di una musica marginale, maledetta, interrogativa accettandola sfida della contemporaneità, attraversando senza troppi timori il mondo di echi e di specchi del digitale.
La Calabria di Re Niliu è metafora artistica di ogni Sud , cerca l’intrigo con altri Sud musicali nella zuppa metamorfica di un pianeta che si muove. Come recita una poesia di Antonino Mazza: “Ourhouseis in acosmicear”. E non può essere diversamente. Oggi siamo qui, domani saremo altrove. L’importante è portare dentro di sé il tatuaggio, il segno,il tocco di quella diversità che fa vivere e che ci identifica nel villaggio della nostra memoria. Quello al quale abbiamo scelto di appartenere non quello assegnato dall’ anagrafe, dal codice a barre, dal social network.

Ettore Castagna: lira, chitarra acustica, voce, zampogna, malaRRUNI
Nico Canzoniero: chitarra elettrica e digitale
Chiara Mastroianni: voce
Mimmo Mellace: percussioni
Giuseppe Muraca: voce, organetto, zampogna, lira, flauti

http://www.reniliu.it/

https://youtu.be/KJXkPUmSwX0

https://youtu.be/96RBScPzi-I

 

BARABAN _ 19 AGOSTO 2017_ VILLALTA DI FAGAGNA

Gruppo fra i più rappresentativi della scena folk italiana, apprezzato in Europa e America, Barabàn ha sviluppato un percorso che rivisita la tradizione musicale del nord Italia con un linguaggio e una sensibilità contemporanea.
Fondato a Milano nel 1982 da Vincenzo Caglioti, Aurelio Citelli, Giuliano Grasso e Guido Montaldo – fra i più attivi ricercatori e musicisti italiani – l’ensemble mescola melodie, lingue, ritmi e sonorità dell’Italia settentrionale, strumenti popolari e contemporanei, polifonie della pianura Padana, musiche legate all’emigrazione italiana nelle Americhe, liriche contemporanee, canti arcaici dell’Appennino, musiche swing e dal sapore yiddish. Accurati raccoglitori, i musicisti di Barabàn hanno sviluppato un’originale sintesi musicale tra modelli della tradizione e gusto contemporaneo. Continua è la ricerca di un equilibrio tra la memoria, i linguaggi e le tematiche del presente.
Da sempre attento alle tematiche sociali e civili, più recentemente Barabàn si è dedicato all’interpretazione di brani composti da discendenti di immigrati italiani in Sud America e alla creazione di una nuova musica sperimentando l’incontro tra le liriche di scrittori contemporanei (Loi, Biamonti) e proprie composizioni in cui gli stili e le sonorità della musica di tradizione si aprono alla contaminazione multietnica.
Nel 1995 Barabàn ha partecipato al progetto Canti randagi. Canzoni di Fabrizio De Andrériproponendo Canzone del maggio.
Barabàn ha allestito numerosi spettacoli tematici, alcuni dei quali a carattere multimediale, che rappresenta  avvalendosi anche della collaborazione di qualificati musicisti e interpreti.
Dal 1994 al 2011 ha rappresentato in oltre 300 località, in Italia e all’estero, lo spettacolo La Notte di Betlemme, dedicato alle musiche natalizie del nord Italia. Nel gennaio 2009 il concerto è stato tenuto a Mosca (Federazione Russa), nella CatholicCathedral of the Immaculate Conception of The Blessed Virgin Mary.

“L’OSTERIA DEI PASSI PERDUTI”
ANGELO FLORAMO & FULZICS – 20 AGOSTO 2017 MEDUNO

Ispirato liberamente al libro “L’Osteria dei passi Perduti” dello scrittore friulano Angelo Floramo , lo stesso autore accompagna e/o accompagnato dalla musica dei Fulzics formazione nata nel 2016 da un gruppo di musicisti eterogeneo e ben assortito dove voce lirica e folk si intrecciano e interagiscono con tre musicisti d’eccezione : Paolo Forte il “guitto di Arzene” alla fisarmonica , Michele Pucci “La chitarra Flamenco” , Giulio Venier “Il violino Folk” , tutti e tre da anni con una lunga esperienza nella live music e nella proposta di culture musicali alternative come la ricerca etnomusicologica in Friuli e nel mondo , il folk balcanico e mediorientale , la musica classica e sperimentale e le connessioni e interazioni con culture apparentemente lontane come quella Andalusa . Angelo Floramo con la sua oralità eccellente, descrittiva e poetica ci fornirà insieme al  gruppo musicale , una visione nuova e molto profonda e musicale del Friuli e del mondo visto attraverso gli occhi del popolo di frequentatori di Osteria nella storia .

Chiara Nigris voce soprano

Veronica Urban voce e tin wistle

Paolo Forte fisarmonica e voce

Michele Pucci chitarra percussioni e voce

Giulio Venier violino cornamusa e voce

Angelo Floramo voce recitante e canto